Gestori di download | Edward Pawley | VA - I Love Disco Rarities Vol.1 Vol.2 [Special Versions] (2016) MP3 [EDM RG]

[MT]Arundhati Roy - Il Dio delle piccole cose (1997)[Ebook-Ita-Pd...

  • Category Other
  • Type E-Books
  • Language Italian
  • Total size 1.6 MB
  • Uploaded By Survival
  • Downloads 5
  • Last checked 39 minutes ago
  • Date uploaded 4 hours ago
  • Seeders 0
  • Leechers 0

Infohash : 2853FA2E836FAE29A442A27212CC15BCF62EE25D









Titolo originale: The God of Small Things
Titolo italiano: Il Dio delle piccole cose
Autore: Arundhati Roy
1ª ed. originale: 1997
Data di pubblicazione: 2003
Genere: Romanzo
Sottogenere: Narrativa
Editore: Edizione per La Repubblica
Collana: NOVECENTO
Traduzione: Chiara Gabutti
Pagine: 350






Arundhati Roy è nata nel Kerala, una regione dell'India, nel 1961. Laureatasi alla Delhi School of Architecture, è divenuta Assistente al National Institute of Urban Affairs e ha studiato Restauro dei monumenti a Firenze. Nei primi anni Novanta ha scritto alcune sceneggiature cinematografiche e dei drammi televisivi. Nel 1997 ha pubblicato il suo primo e finora unico romanzo, Il dio delle piccole cose, cui ha arriso un enorme successo mondiale e che le è valso, prima scrittrice indiana a ottenerlo, il Booker Prize. Attualmente vive a Nuova Delhi, molto impegnata in varie battaglie politiche e civili, da quella per i diritti delle donne a quelle contro la guerra, il nucleare, la globalizzazione. Oltre al romanzo, ha sacritto i saggi La fine delle illusioni (1999) e Guerra è pace (2002).
Nel 2002, Arundhati Roy è stata condannata dalla Corte Suprema di Delhi per oltraggio alla corte medesima, accusata dall'autrice di mettere a tacere le proteste contro il progetto della diga del Narmada. Tuttavia la condanna è stata solo alla simbolica pena di un giorno di prigione.
Nel maggio del 2004 ha ricevuto il Sydney Peace Prize per il suo lavoro nel campo sociale e il continuo sostegno alla nonviolenza. Nel gennaio 2006 le è stato conferito il premio della Sahitya Akademi per la sua raccolta di saggi L'algebra della giustizia infinita, ma l'autrice lo ha rifiutato.




Romanzi:

1997 - Il Dio delle piccole cose (The God of Small Things)
2017 - Il ministero della suprema felicità (The Ministry of Utmost Happiness)

Saggistica

1998 - The End of Imagination
1999 - La fine delle illusioni (The Cost of Living)
1999 - The Greater Common Good
2002 - The Algebra of Infinite Justice
2002 - Power Politics
2003 - War Talk
2004 - An Ordinary Person's Guide To Empire
2004 - Public Power in the Age of Empire
2004 - L'impero e il vuoto. Conversazioni con David Barsamian (The Checkbook and the Cruise Missile: Conversations with Arundhati Roy)
2008 - The Shape of the Beast: Conversations with Arundhati Roy
2009 - Quando arrivano le cavallette (Listening to Grasshoppers. Field Notes on Democracy)
2011 - Broken Republic: Three Essays
2011 - Nella giungla con i compagni : incontri con i guerriglieri nell'India centrale (Walking with the Comrades)
2011 - Kashmir: The Case for Freedom
2013 - La strana storia dell'assalto al parlamento indiano (The Strange Case of the Attack on the Indian Parliament)
2015 - I fantasmi del capitale (Capitalism: A Ghost Story)




India, fine anni Sessanta: Amnu, figlia di un alto funzionario, lascia il marito, alcolizzato e violento, per tornarsene a casa con i suoi due bambini. Ma, secondo la tradizione indiana, una donna divorziata è priva di qualsiasi posizione riconosciuta. Se poi questa donna commette l'innaccettabile errore di innamorarsi di un paria, un intoccabile, per lei non vi sarà più comprensione, né perdono. Attraverso gli occhi dei due bambini, Estha e Rahel, il libro ci racconta una grande storia d'amore che entra in conflitto con le convenzioni

Incipit:
I

Conserve & composte paradiso.

Maggio ad Ayemenem è un mese caldo, meditabondo. Le giornate sono lunghe e umide. Il fiume si ritira e corvi neri si rimpinzano di manghi lucidi sugli alberi verdepolvere, immobili. Maturano le banane rosse. Si spaccano i frutti dell'albero del pane. Mosconi viziosi ronzano vacui nell'aria fruttata. Poi si schiantano contro i vetri delle finestre e muoiono, goffamente inermi sotto il sole.
Le notti sono limpide, ma soffuse di un'attesa fosca e pigra.
Con l'inizio di giugno, però, arriva il monsone da sudovest, portando tre mesi di vento e pioggia, con brevi incantesimi di sole aspro e brillante che i bambini elettrizzati rubano per i loro giochi. La campagna diventa di un verde sfrontato. I confini sfumano man mano che i filari di tapioca mettono radici e fioriscono. I muri di mattoni diventano verdemuschio. I viticci del pepe nero serpeggiano su per i pali della luce. I rampicanti selvatici traboccano dagli argini di laterite e si riversano nelle strade allagate. Le barche riforniscono i bazar. E nelle pozzanghere che riempiono le buche lasciate per le strade dal Dipartimento dei Lavori Pubblici compare qualche pesciolino.




In India, alla fine degli anni Sessanta, una giovane donna con due figli gemelli lascia il marito alcolizzato e brutale e torna nella casa della sua benestante famiglia. Qui le capita di innamorarsi perdutamente di un "intoccabile", e alla sua già precaria condizione di divorziata (condizione che in India comporta la perdita di un ruolo sociale riconosciuto) si aggiunge l'"indegnità" di aver concepito un amore assolutamente proibito. La condanna della famiglia e della società si abbatterà perciò implacabile su di lei, che sarà costretta a un penoso e irrimediabile isolamento.
Nel 1997 questo romanzo ha conferito fama mondiale alla sua giovane autrice, capace di svelarci, con la durezza della denuncia ma anche con la poeticità dei sentimenti, la realtà dei modi di vita in un'India del tutto immune dagli stereotipi ascetici o pauperistici tanto cari all'immaginario occidentale. Ci viene mostrato un paese complesso e per molti versi inedito, lacerato fra le istanze di una modernità galoppante e la persistenza di tradizioni antichissime e spietate, la liberazione dalle quali costa durissime e non sempre vincenti battaglie civili.
Ma per una felice scelta creativa questo mondo così difficile ci viene fatto vedere attraverso gli occhi dei due bambini della protagonista, Estha e Rahel: occhi che registrano solo ciò che colpisce la loro vergine sensibilità, e che si soffermano su cose ordinarie, magari apparentemente insignificanti, e tuttavia cariche di significati storici ed esistenziali niente affatto comuni, così come mai comune è la vicenda del conflitto eterno fra le ragioni dell'individuo e quelle spesso oppresive del contesto in cui si trova a vivere.
Non è una storia di ascesi orientale ma una storia degli anni sessanta, indiana. La scrittura è immediata e rapsodica, con immagini fantasiose, quelle sì, come l’immaginifica creatività indiana. Poi, la struttura: diversi livelli temporali che si rincorrono come tasselli scollati. Eppure l’aspettativa che generano non riguarda la trama. Infatti, sin dall’inizio veniamo messi al corrente degli eventi tragici cui assisteremo. Tuttavia pur sapendo, la tensione sale, ad ondate, si ritira, poi cresce ancora, sospinta dall’intensità della narrazione. Infine i personaggi. Bellissimi. Caratterizzati da immagini e definizioni quasi rituali, ripetute spesso come mantra, ipnotiche e suggestive.
Una storia indiana, certo che sì, ma universale perché sincera e urgente, capace di scoprire nervi di emotività. Soprattutto una bellissima storia dal respiro difficile da codificare, perché sembra avere la capacità evocativa di un’antica Narrazione, la memoria di una Favola senza fantasia. Un respiro ampio, lento, oscuro e complesso, ma anche essenziale, duro, reale e senza età, come immaginiamo possa essere l’India.




Files:

  • Arundhati Roy - Il Dio Delle Piccole Cose (1997).pdf (1.6 MB)

There are currently no comments. Feel free to leave one :)

Code:

  • udp://tracker.openbittorrent.com:80/announce
  • udp://tracker.opentrackr.org:1337/announce